12190038_10203844378949588_5255393430112823077_nSono Beatrice Bravi, nata a Bergamo il 9 luglio 1996.

Dopo aver conseguito la maturità scientifica nella mia città natale ho deciso di proseguire i miei studi a Milano: ora frequento la facoltà di Psicologia presso l’Università di Bicocca. Questa scelta è stata partorita dopo lunghi mesi di letterale travaglio dato da ciò che sembrava un’inconciliabilità tra le mie grandi passioni quali la scienza (in particolar modo la branca medica) e il mondo umanistico. Ciò che ha unito queste due vie così differenti è stato il mio interesse per la mente umana: mi affascina l’enorme potenziale di questa macchina meravigliosa e il mistero che ancora oggi le aleggia attorno.

Il mio obiettivo infatti è proseguire il mio percorso di studi nella direzione nelle neuroscienze, con un taglio artistico-letterario dedicandomi alla neuroestetica, ovvero lo studio dei processi cognitivi all’opera durante la produzione e la fruizione di arte. Tuttavia non nascondo il fatto che da tempo ho iniziato a guardare al mondo del giornalismo e dell’editoria con occhi languidi: mi piace l’idea di vivere grazie alla pubblicazione di mie riflessioni e sensazioni date dal contatto con il sapere e con il mondo.

Mi definisco una lettrice onnivora, con una lieve preferenza per la narrativa americana contemporanea: un buon terreno per osservare più da vicino la mente umana grazie all’attenzione quasi maniacale di molti di questi autori verso il substrato psichico dei personaggi. Altri miei interessi sono il cinema e la musica: ho avuto modo di coltivare entrambi sin dalla mia infanzia passando le sere con mia madre cercando di riconoscere i diversi attori e registi di pellicole cinematografiche e iniziando a suonare il sassofono all’età di 11 anni.

Ciò che tiene tutta questa eterogeneità collegata sono le emozioni, protagoniste assolute della mia vita, che mi permettono di sentirmi viva in ogni cosa a cui mi dedico.