“Tremate, tremate, le streghe son tornate!” È una frase che si sente o si pronuncia prima o poi, specialmente nel periodo di Halloween, quando mostri, fantasmi ed esseri spaventosi diventano protagonisti delle nostre vite e perché no, anche delle nostre letture! Cosa c’è di meglio, infatti, di una o più letture a tema in base al periodo dell’anno in cui ci si trova? Nella ricerca di ispirazioni terrificanti si possono incontrare personaggi d’ogni tipo, tra i quali troviamo quello della strega.

Le streghe hanno affascinato l’immaginario comune per secoli, sia dal punto di vista storico (basti pensare alla caccia alle donne ritenute in combutta con il Diavolo che caratterizzò il mondo cristiano dal XV al XVII secolo e a quella di Salem in particolar modo) che narrativo, per non parlare poi dei numerosi film e serie tv che presentano una versione di questo particolare personaggio; soffermandoci solamente alle letture comunque, sono molti libri, specialmente quelli di genere fantasy ispirati a tali donne che hanno conquistato migliaia di lettori:  esse possono essere dotate sia di potere benefici che maligni, sia brutte che belle, dotate di umanità o meno… Di conseguenza il mare magnum dal quale pescare se si cerca un romanzo che tratti di stregoneria è piuttosto vasto, a cominciare dalla narrativa per l’infanzia: chi infatti non ha letto “Le streghe” di Roald Dahl,  che ci presenta in maniera esilarante un bambino e sua nonna impegnati nella missione di fermare le streghe dall’eliminare tutti i bambini del mondo? Sempre restando nella letteratura per ragazzi, ci sono poi le gemelle Periwinkle presentate dalla trilogia “Fairy Oak” di Elisabetta Gnone, così diverse per poteri e carattere ma così speciale e unite nel dover affrontare una terribile minaccia per il loro villaggio… Infine, è pur sempre doveroso citare “Harry Potter” e le numerose streghe importanti che hanno frequentato la scuola di Hogwarts, tra cui Hermione, “La strega più brillante della sua generazione”. Crescendo poi, sia come età che come generi letterari, troviamo numerose saghe dedicate alla stregoneria, come quella di Anne Rice (la scrittrice di “Intervista con il vampiro” che ha scritto poi la trilogia “Le streghe di Mayfair”), di Lisa Jane Smith (autrice di “Il diario del vampiro” e di una saga dedicata alle streghe intitolata “I diari delle streghe”) o di Isobel Bird (scrittrice dei 6 libri che compongono la saga di “Il cerchio delle streghe”). Numerosi sono i titoli singoli che presentano un soggetto stregato, come “Le streghe di Salem” di B.K.Evenson (da cui è stato tratto l’omonimo film di Rob Zombie), “Le streghe di Smirne” di Mara Meimaridi, “La chimera” di Sebastiano Vassalli e  “Il labirinto delle streghe” di Jeanne Kalogridis. Abbondano poi i manuali storici che trattano della stregoneria e della sua repressioni, e quelli informativi per le curiose, le nuove adepte e soprattutto per le wicca (le praticanti della magia naturale)…

C’è solo l’imbarazzo della scelta in quanto a titoli! Ora non vi resta che scegliere da quale, o quali, farvi stregare: d’altronde, non è forse la lettura una sorta di magia capace di conquistarci, cambiarci e influenzarci per sempre?

 

Angelica Corà