Come in tutti i cambi di stagione, anche la primavera mette a dura prova i nostri capelli. I cambiamenti climatici si ripercuotono su tutto il nostro organismo e in modo inevitabile anche sui nostri capelli, che non sono un tessuto morto, ma vivo, parte integrante di noi. Il mondo vegetale sostituisce le foglie, gli animali il pelo e anche i nostri capelli sono soggetti a un maggiore ricambio.

Questo delicato periodo primaverile può comportare un aumento dello stress da parte del nostro organismo che deve liberarsi dalle tossine accumulate durante i mesi invernali per ritrovare nuovo slancio e vitalità. Tale processo di adattamento è impegnativo a livello ormonale e richiede un notevole contributo di nutrienti che spesso non sono presenti nella nostra alimentazione.

L’alimento più adatto per rigenerare i nostri capelli e il cuoio capelluto è il miglio grazie al suo elevato contenuto di silicio e vitamine. Contiene vitamina Avitamine del gruppo B e acido folico, ma anche ferro, calcio, fluoro, potassio, magnesio, zinco, silicio e aminoacidi solforati come la cisterna, importante per rallentare la cura dei capelli poiché promuove la formazione della cheratina, ma anche per la protezione delle unghie fragili, delle ossa e dello smalto dei denti.

Il miglio si presta a ricette dolci e salate, perfetto per arricchire di nutrienti i nostri biscotti per la colazione (VEDI LA RICETTA DEI CUORICINI DI MIGLIO E CIOCCOLATO), ideale per polpette e crocchette vegane, ma anche da gustare semplice e al naturale, saltato in padella con le verdure che preferiamo.

Vi propongo pertanto la ricetta del miglio al radicchio che ci permette di sfruttare le proprietà nutrizionali del miglio in modo semplice e veloce, ideale anche da portare a lavoro o per un picnic in mezzo alla natura!

 

Ingredienti (per 4 persone)

  • 280 gr circa di miglio decorticato
  • Acqua q.b.
  • 100 gr circa di radicchio
  • Olio extravergine di oliva q.b.

 

Il miglio va prima lavato e poi tostato in padella con un cucchiaino di olio extravergine di oliva. Si aggiunge l’acqua che deve essere della quantità doppia, in questo caso sarà circa di 560 ml. Si porta a bollore, si regola di sale e si fa bollire a fuoco basso per circa 10-15 minuti, tempo in cui l’acqua si asciuga. Ora il miglio è pronto per essere saltato in padella con le verdure. Io ho scelto il radicchio che in questo caso non va cotto, ma aggiunto crudo a listarelle per dare un tocco fresco e croccante, garantendoci il pieno di vitamine e sali minerali.

Isabella Vendrame