Come ogni anno, trascorse le vacanze pasquali, in molte delle nostre case sono rimasti avanzi delle uova di cioccolato che abbiamo aperto nei giorni passati. Sarebbe un peccato dover buttare via questi rimasugli, a volte difficili da consumare entro la data di scadenza, sia per l’eventuale spreco di cibo, ma anche per la bontà dell’ingrediente. Che sia al latte, fondente, bianco oppure guarnito di nocciole, il cioccolato delle uova può essere riutilizzato in molti modi: vediamone alcuni.

Una delle modalità con cui poter impiegare questo ingrediente è quella di realizzare una golosa fonduta. Potrete fare sciogliere le parti di cioccolato avanzato a bagnomaria in un pentolino oppure utilizzando un apposito set. L’ideale sarebbe poi intingere, nel composto che ne deriverà, della frutta a pezzetti, come ad esempio fragole oppure banane. Se il composto appena citato sarà fatto raffreddare leggermente, ne risulterà una deliziosa crema spalmabile che potrete gustare su pane, pane a fette, torte semplici e biscotti secchi. Il cioccolato avanzato potrà essere impiegato anche per la farcitura oppure per la guarnizione di numerosi dolci. Potrete farlo sciogliere ed inserirlo poi nell’impasto di biscotti, torte, ciambelle, crostate, muffin, praline, semifreddi e gelati, oppure sminuzzarlo finemente (fino a che ogni pezzetto abbia una dimensione simile a quella di una goccia) e successivamente posizionarlo sulla superficie del dolce prima di completarne la cottura. Se ridurrete gli avanzi in scaglie molto piccole, altrimenti, potrete mettere queste ultime nel caffè ed utilizzare quindi il cioccolato come dolcificante, in sostituzione dello zucchero. Gusterete così una bevanda semplice, ma allo stesso tempo originale e anche molto gustosa.

Solo per gli adulti, potrà essere preparato un delizioso liquore. Per realizzarlo saranno necessari, oltre al cioccolato, anche zucchero ed alcool per alimenti.

 

Marika Sauria