Si fa un gran parlare negli ultimi tempi del tema sicurezza, i furti in casa e negli esercizi commerciali aumentano senza sosta, gli impianti di allarme tradizionali sembrano non essere più un deterrente. Nella spasmodica ricerca di un metodo per sentirsi sicuri in casa propria, tra un corso di autodifesa e un porto d’armi, sempre più spesso ci si imbatte nei sistemi di allarme collegati alle centrali operative.

La centrale operativa, attiva H24, è composta da un team di guardie giurate pronte ad intervenire tempestivamente e, se necessario, in sinergia con le forze dell’ordine, in caso di anomalie nell’impianto o nelle procedure di disattivazione preimpostate con il proprietario, lasciando un margine di tempo davvero breve perché l’atto criminoso si consumi. Prendiamo come metro di paragone il sistema di sicurezza Verisure ( www.verisure.it), il primo e il più diffuso impianto collegato ad una centrale operativa attivo sul territorio nazionale e internazionale, esaminiamone nello specifico il funzionamento e le differenze rispetto agli allarmi tradizionali. Le componenti di questo sistema di sicurezza sono una base, una placca esterna, dei sensori, delle fotocamere e una sirena, sono tutte dotate di doppia alimentazione elettrica e batteria, in caso di interruzione di corrente. Il monitoraggio costante delle componenti del sistema di sicurezza attraverso un avanzato sistema operativo garantisce la manutenzione immediata in caso di batterie scariche o disfunzionalità dei dispositivi. Ad ogni scatto di allarme si attiva una sirena posizionata internamente all’abitazione, rendendone praticamente impossibile la manomissione, unitamente ad un collegamento in vivavoce con la centrale operativa. L’introduzione di un sistema di fotocamere interno all’abitazione, che si attiva esclusivamente quando al collegamento con la guardia giurata non si fornisce la parola chiave, oppure su richiesta dello stesso proprietario, serve principalmente all’attivazione della procedura d’intervento idonea al caso specifico.

La possibilità di utilizzare, gestire e modificare le impostazioni di sistema anche attraverso un’applicazione smartphone è particolarmente utile quando si sta fuori città. Questa tipologia di impianto ha davvero tanti deterrenti per aumentare le possibilità che un ladro cambi obiettivo, ma se così non fosse la garanzia di un pronto intervento, il sistema anti-rapina, le combinazioni sos, bastano per farlo divenire un prodotto davvero interessante. Il sistema di sos H24 risulta efficace anche in caso di malori o incidenti di persone sole in casa, in quanto il collegamento alla centrale operativa è davvero facile e immediato. Un servizio di sicurezza come questo ha un costo nel tempo in quanto si basa principalmente su un canone mensile e sul pagamento una tantum dei dispositivi, quantificati da un esperto in un primo sopralluogo. Per farci un’idea un kit base Verisure copre un’abitazione medio-piccola senza l’aggiunta di componenti extra.

Ora che, forse, è più chiaro cosa si intende con impianto di sicurezza con collegamento ad una centrale operativa, siete davvero liberi di scegliere cosa è meglio per la vostra serenità domestica.

Martina Marino