Finalmente è arrivata la primavera! Tempo di rimettersi la gonna senza calze, di uscire e stare fuori fino a sera, di innamorarsi perdutamente ogni cinque minuti. Ma è anche tempo di allergie, di temporali improvvisi, cambi di temperatura, raffreddori, spossatezza e voglia di dormire per giorni! Insomma tempo di gioie e dolori, ma possiamo aiutarci a godercela al meglio rinforzando il nostro sistema immunitario. Un valido alleato? Ma la frutta ovviamente!

Sappiamo che bisognerebbe consumare ogni giorno almeno sette porzioni di frutta e verdura, ma detto così sembrano davvero troppe. E invece no! Basta un po’ di organizzazione e parecchia fantasia per preparare pietanze di frutta da consumare in ogni occasione: colazione, merenda, aperitivi, spuntini fuori pasto. Insomma via libera alla frutta sempre e comunque, con una sola cautela: la frutta non andrebbe mangiata alla fine dei pasti (cioè spesso l’unico momento in cui invece la si mangia): infatti proprio per la sua natura zuccherina fermentando rischia di creare gonfiori e fastidi nella digestione!

E allora ecco qui sette idee semplici e veloci, sulle quali potrete costruire tantissime variazioni, così da non annoiarvi mai:

1 Colazione del campione!

Cosa c’è meglio di una bella centrifuga o estratto per iniziare bene la giornata, magari abbinato a uno yogurt con un po’ di frutta secca o cereali? E qui vi potete sbizzarrire, potete accoppiare frutta e verdura, potete scoprire le combinazioni che più vi piacciono, potete aggiungere qualche fogliolina di menta fresca, una spolverata di cannella, insomma qui la fantasia la fa da padrona, quello che non dovrebbe mai mancare, per depurarsi e rinforzarsi come si deve solo limone e zenzero … Che poi stanno bene con tutto. La mia preferita in questo periodo è arancia mela, finocchio, limone e zenzero. E adesso viene la magia: quando terminate la colazione, prima di dedicarvi alla seccatura immane di pulire l’estrattore, prendete la fibra di scarto e conservatela! Avete capito bene … perché mai buttare tutta quella bella fibra ancora ricca di sostanze nutritive che avanza dopo ogni centrifuga? Conservatela in un recipiente di vetro o terracotta, se vi piace aggiungete un seme di cardamomo, che esalta la naturale dolcezza della frutta e continuate a leggere, nelle prossime ricette ne faremo un uso abbondante. Se usate agrumi conservate anche la scorza. Se invece non avete una centrifuga o un estrattore non temete! A colazione potete farvi un bel frullato, e tutte le ricette che seguono possono essere realizzate anche con frutta tagliata a pezzi, grattugiata, schiacciata o frullata!

2 Spuntino di metà mattina: Al contadino non far sapere!

A metà mattina la fame si inizia a sentire, e allora cosa c’è di meglio di uno spuntino di frutta abbinato con un alimento più corposo e salato? Tipo il formaggio con le pere, velocissimo da preparare, anche in giro, basta poter sciacquare una pera e avere con se un coltello e un bel pezzo di formaggio. Con le pere sta bene tutto: Grana, pecorino, caciotta dolce, formaggi stagionati, insomma ce n’è per tutti i gusti… Aspettando l’estate per sostituire questo ricco spuntino con l’intramontabile pizza e fichi, o per i carnivori fichi e prosciutto crudo!

3 Aperitivo/antipasto: Spiedini tricolore

Anche qui giochiamo con i contrasti dolce/salato, per aprire lo stomaco e preparare il palato al pranzo, e stupire i bambini, possiamo preparare degli spiedini di frutta e formaggi. Anche qui via libera alla fantasia, ricordando che a tavola anche l’occhio vuole la sua parte, quindi sfiziatevi con accoppiate di forme e colori che più vi piacciono! Un consiglio: fragole e mozzarelline, con qualche foglia di menta o basilico qui e là e una bella spruzzata di limone!

4 Merenda : Gelato naturalissimo

Questa ricetta è il mio orgoglio, l’ho vista in un programma tv e me ne sono follemente innamorata! I bambini la adorano ed è un sistema fantastico per dar loro il dolce che desiderano, con ingredienti genuini e naturali, e soprattutto senza zucchero. La preparazione è rapidissima, solo bisogna ricordarsi di congelare la fibra (o frutta fresca tagliata a pezzi) qualche ora prima. Quando arriva l’ora della merenda basterà tirarla fuori dal congelatore, aspettare qualche minuto che si ammorbidisca e poi frullarla insieme a dello yogurt bianco. Le proporzioni dovrebbero essere all’incirca 50% e 50%. La frutta congelata, frullata con lo yogurt, darà al risultato finale una consistenza molto simile al gelato. Potete poi arricchire il tutto con della frutta secca, delle gocce di cioccolato, olio di cocco (col freddo tende a congelarsi in piccole scaglie che poi si sciolgono in bocca, delizioso!) o con tutto quello che vi piace!

5 Aperitivo: Ghiacciolini per grandi e piccini

Variante del gelato, è ottimo da sgranocchiare mentre si prepara la cena, in questo caso dovremo congelare la nostra fibra, o frutta a pezzi, mescolata con un po’ di succo di limone, e poi mettere a congelare il tutto negli stampini per ghiaccioli, o se non li avete potete usare dei bicchierini di plastica, in cui infilerete un cucchiaino che funga da stecco. Ricordatevi che la fibra degli agrumi tende a diventare amara, quindi usatela solo se accoppiata con fibra dolce che la stempera (mela, finocchio, pere) e sempre in piccole quantità.

6 Dolcetti della buonanotte

Non so a voi, ma a me la cena senza dolce alla fine lascia sempre un fondo di delusione. E quindi ho imparato a fare dolci più o meno con tutto quello che ho in casa. E da quando ho l’estrattore la fibra non manca mai. Proprio in questi giorni ho realizzato dei dolcetti deliziosi che voglio riproporvi, e che si prestano a varianti pressoché infinite. Io ve la propongo così come l’ho fatta ieri sera, ma ricordate che tutto si può sostituire con alimenti simili per consistenza e proprietà.

Ingredienti:

-Fibra di finocchio, arancia e mela

-Mandorle

-Cardamomo

-Banana

-Olio di cocco

-Scorze di arancia e limone

-Per la base: biscotti frantumati (quelli che avete in casa, se poi ne avete di vecchi, che hanno perso croccantezza è un modo stupendo di riciclarli).

-Pirottini di alluminio

Iniziate a lavorare la fibra con le mani o con un cucchiaio di legno, aggiungete una banana schiacciata e dell’olio di cocco, che faranno da collante, e qualche mandorla tritata. Le proporzioni, come sempre, a occhio: quando l’impasto sarà sufficientemente compatto e non troppo secco vuol dire che va bene. All’occorrenza potrete aggiungere un po’ di succo (sempre che non ve lo siate bevuto a colazione) o spremere un po’ di arancia o limone. In un altro recipiente frantumate i biscotti e impastateli con un po’ di olio di cocco, e mettetene uno strato su ogni pirottino. Sopra mettete una pallina di fibra lavorata e alla fine, per guarnire, una mandorla intera e delle scorze di arance e limone. Cuocete a temperatura bassa (50, max 70 gradi) per un’oretta. Sono ansiosa di sapere come personalizzerete questa ricetta! Se volete qualche spunto potete sostituire i biscotti con i cereali, l’olio di cocco con burro o miele, o altri dolcificanti liquidi (stevia, agave, mosto cotto) e ovviamente la fibra che più vi piace. Potete usare cacao, granella di nocciole al posto delle mandorle … insomma da questa ricetta si può arrivare più o meno ovunque …

7 Incursioni notturne in cucina: peccati di gola!

Eccoci qui! Siamo arrivati a fine giornata, abbiamo finito di studiare/o lavorare, messo i pupi a letto, i più fortunati hanno anche fatto l’amore. E abbiamo mangiato tanta frutta.. non so a voi ma a me manca qualcosa… Tipo una bella incursione notturna, di quelle in cui ogni tanto si incontrano parenti o coinquilini, a rovistare nel frigo o in dispensa… e a quest’ora cosa c’è di meglio della cioccolata! Ma come la cioccolata? E la nostra settima porzione di frutta? Ecco come fare per chiudere davvero in dolcezza questa giornata all’insegna della frutta: prendete un po’ di fragole, o pere, o banane, e della frutta secca, stuzzicadenti o spiedini, fate sciogliere un po’ di cioccolata, preferibilmente fondente, a bagnomaria, e finalmente, fatevi del male e godete!

Come avete visto ogni scusa è buona per mangiare la frutta, e questi spunti hanno il vantaggio di essere economici e molto rapidi, oltre che prestarsi a infinite variazioni. Buon appetito, vi aspetto la settimana prossima per altri suggerimenti per accoppiare gusto e salute!

Ginestra Odevaine