Pratici, capienti, leggeri, multifunzionali … gli ebook-Reader, lettori di libri elettronici, sono certamente questo e molto di più. Oggi sono in tanti a dimostrarsi angustiati dalla presunta imminente estinzione del caro vecchio libro in formato cartaceo. Alcuni prospettano visioni apocalittiche, secondo le quali imbattersi in un libro di carta sarà frequente come incontrare un elefante. Altri difendono inchiostro e cellulosa a spada tratta e con sguardo truce, sibilano che il libro non morirà mai. Chi avrà ragione? In attesa di scoprirlo, resta innegabile il fatto che il supporto fisico che riempie i nostri scaffali, le nostre borse e le nostre giornate da oltre cinquecentocinquant’anni sia un oggetto profondamente radicato nella cultura dell’uomo moderno. Le sue caratteristiche e peculiarità, infatti, sembrano non smettere di suscitare emozioni, curiosità, quando non, addirittura, vere e proprie sfide. In barba alla tecnologia.

Di seguito, alcune divertenti bizzarrie sul mondo dei libri, che vi faranno subito venire voglia di abbracciare un amabile esemplare di libro tradizionale!

Il Libro più grande, più voluminoso e più pesante: Vi presento Maometto, il libro scritto per introdurre la vita del profeta dell’Islam non è certo un libro come un altro: è il più grande, il più pesante ed il più voluminoso al mondo. Un record che si traduce in un’edizione di 5 m di altezza per 4,03 m di larghezza, 431 pagine e 1500 kg di carta riciclata e pelle.

Il Libro più spesso: si tratta dell’intera raccolta dei racconti di Miss Marple di Agatha Christie pubblicata a Londra nel 2009, che occupa 4032 pagine per un peso di 8,04 kg e un’altezza di 32,2 cm.

Il Libro tridimensionale più grande: s’intitola My Word e chiuso misura 4 m per 3 m. Venne progettato nel 2010 per uno spot pubblicitario belga e, una volta aperto, i disegni di animazione raggiungono i 2,35 m in altezza.

Il Libro più piccolo: sono in molti a contendersi tale titolo, ma nel 2016 il microminiaturista Vladimir Aniskin è riuscito a cogliere tutti di sorpresa con la produzione di un libro di 0,07 mm per 0,09 mm. Ha impiegato cinque anni per produrre da solo tutta la tecnologia necessaria per creare il libro e in un mese ha realizzato due versioni: la prima s’intitola Levsha, la seconda Alfabeto.

Il Libro più strano: pubblicato nel 1981 e scritto da Luigi Serafini, il Codex Seraphinianus dà vita ad un mondo surrealisticamente bizzarro, dotato di un alfabeto proprio e illeggibile e di paradossali illustrazioni che traggono spunto dalla realtà. È arduo, se non addirittura impossibile, comprendere appieno il contenuto delle sue pagine.

codex-seraphinianus

Il Libro più prezioso: il volume più costoso al mondo resta il primo libro stampato a caratteri mobili della storia: la Bibbia di Gutenberg. Le copie messe in circolazione nel 1456 furono circa 1800 e di queste molte sono andate perse o danneggiate. Si stima che il loro valore si aggiri tra i 25 e i 35 milioni di dollari.

bibbia-di-gutemberg

Il Libro più misterioso: Il manoscritto Voynich è un codice illustrato risalente al XV secolo. Le sue pagine (circa 200) sono scritte in un linguaggio non appartenente ad alcun sistema alfabetico/linguistico conosciuto, che a tutt’oggi i più valenti crittografi non sono riusciti a decodificare. Il libro contiene anche immagini di piante che non coincidono con nessun vegetale attualmente noto.

manoscritto-voynich_170

Il Libro più maledetto: il Codex gigas, detto anche “La Bibbia del diavolo”, è il più grande manoscritto medievale del mondo: è alto 90 cm, pesa oltre 75 kg, ed è composto da 320 pagine in pelle di asino, racchiuse in una custodia di legno ricoperta in pelle e ornata in metallo. L’autore sarebbe il monaco benedettino, “Ermanno il recluso”, chiamato così in seguito alla rottura dei voti monastici. Minacciato di essere murato vivo, nel disperato tentativo di salvarsi, promise di produrre in una notte un’opera che avrebbe portato grande gloria al monastero. Intuendo che non avrebbe potuto realizzarlo con le sue sole forze, egli chiese aiuto al diavolo.

codex-gigas

Il Libro più venduto: sul podio, con ben 5 miliardi di copie vendute in tutto il mondo, ritroviamo la Bibbia, che è anche il Libro più tradotto: è disponibile per intero o parzialmente in ben 2355 lingue.

Il Libro con il paratesto più originale: La prima edizione de La storia infinita di Michael Ende fu stampata nel settembre 1979 dall’editore Thienemann Verlag, con la legatura con copertina rigida in seta e inchiostro bicolore: rosso per il mondo degli umani e verde acqua per il regno di fantasia. I 26 capitoli che compongono la storia vennero decorati con altrettanti capilettera colorati alternati.

la-storia-infinita

Qual è infine il Libro che alberga tutti i Libri da Record? Il Libro del Guinness World Records, naturalmente, che, guarda caso, detiene il primato per essere il Libro più rubato nelle biblioteche pubbliche degli Stati Uniti d’America!

Chiara Bolchini