<< Le chiesi di danzare con me, lei accettò per mia fortuna perché non ebbe paura. Durante quel ballo non riuscii a dirle neanche una parola, ma sapete il suo sguardo, i suoi occhi mi fecero capire che potevo amarla. Oggi io ti amo e ti amerò per il resto dei miei giorni, contessa Ristori, mia cara Elisa, mia moglie … il mio respiro. Concedetemi questo ballo! >>. 

211914536-c3a670a1-781f-4055-90c7-6e4ceb540c3b

“Galeotto fu il set e chi lo diresse, quel giorno più non vi recitammo avante”. Siamo lontani dal volere profanare i celebri versi della commedia dantesca, ma mai come nel caso della coppia Vittoria Puccini – Alessandro Preziosi essi appaiono calzanti. La loro storia d’amore inizia nel lontano 2004 quando i due attori, allora giovanissimi e sconosciuti ai più, sono impegnati nelle riprese di quella che sarà definita “la fiction delle fiction”: Elisa di Rivombrosa. Diretta da Cinzia Th Torrini, la serie tv, ispirata al romanzo inglese Pamela, o la virtù premiata di Samuel Richardson, vincitrice del Premio Telegatto come “miglior trasmissione dell’anno”, narra la vicenda di una ragazza di umili origini, che si scopre innamorata del suo padrone. Vittoria interpreta la parte della protagonista Elisa Scalzi; Alessandro Preziosi il ruolo dell’arrogante conte Fabrizio 4izt6tRistori. Tanto sulla scena, quanto nella vita, i due vivranno una relazione tormentata, fatta di alti e bassi, che terrà col fiato sospeso migliaia di fans, i quali ancora oggi non si stancano, come testimoniano gli ascolti, di vedere la replica dello sceneggiato, in onda su Mediaset Extra, il venerdì in prima serata. Una storia appassionante ambientata poco prima dello scoppio della rivoluzione francese, piena di intrighi e inganni, che farà da apripista alle successive fiction in costume, quali Orgoglio, La dama velata e il più recente Grand Hotel. “Mai, voi non mi avrete mai!” urla Elisa al prepotente conte in una delle primissime puntate, ma basta attendere l’episodio successivo per vederla rotolare tra le lenzuola del suo padrone, consapevole delle tante difficoltà e delle convenzioni sociali, a cui dovrà far fronte, affinché il rampollo di casa Ristori non venga interdetto e diseredato di ogni suo avere. Un amore grande come il mondo, o forse anche di più. Alla seconda stagione Alessandro Preziosi sceglierà di non partecipare, scatenando l’ira del pubblico, che mai gli perdonerà di aver permesso che il conte Ristori morisse. Nella vita reale, invece, la relazione tra i due attori prosegue a gonfie vele: nel 2006 hanno, infatti, una bambina Elena. Quattro anni dopo, la rottura, come un fulmine a ciel sereno. Stando ai pettegolezzi, i mVittoria+Puccini+Alessandro+Preziosi+Uomo+L4v8bglG5FZlotivi della crisi sarebbero dovuti ai continui tradimenti del sex symbol Alessandro Preziosi, il quale recentemente in un’intervista ha affermato: “Ci si sposa in due. Con Vittoria non è accaduto, forse per pigrizia, o per debolezza. Arriva un momento in cui, se ti ami, ti sposi: punto. Purtroppo io, invece di concentrarmi sul mio rapporto di coppia, ho disperso le forze lavorando come un pazzo. Sono andato otto mesi in tournée con Amleto, pensando che, quando mi sarei fermato, tutto sarebbe tornato come prima. E invece, quando mi sono fermato, il nostro rapporto non c’era più. Se uno pensa di potersi fare un’idea della verità guardando solo la superficie, si sbaglia“. Vittoria e Alessandro sono andati avanti con la loro vita e hanno voltato pagina: lei è fidanzata dal 2012 con Fabrizio Lucci, direttore della fotografia, conosciuto sul set di Anna Karenina, lui continua a frequentare Greta Carandini, più giovane di 17 anni. A tenere uniti Vittoria e Alessandro resta l’amore per la piccola Elena. “Alessandro è un padre d’oro, stravede non sono mai preoccupata quando è lui a tenerla” ha raccontato l’attrice, che non sente l’esigenza di sposarsi con l’attuale compagno: “Per ora mi fanno felice gli abbracci e i baci di mia figlia. Le carezze di Fabrizio. Non mi serve altro”. “Fabrizio”, quel nome che per anni Alessandro Preziosi si è portato addosso come un vestito, quella divisa di un ufficiale dell’esercito francese che teneva in scacco il cuore della bella Elisa e di centinaia di ammiratrici, che avevano collezionato interviste e poster dei loro beniamini, comprato il cofanetto con i dvd della prima serie e ultimato l’album di figurine dedicato proprio ad Elisa di Rivombrosa. A significare che il destino a volte tesse le trame meglio di noi. E da burlone qual è, si diverte. Ama  scompigliar le carte e rilanciare .

Cristina La Bella